Wallbox Ford: come ricarica l'auto elettrica a casa

17 maggio 2021

Ford Kugafhev Eu CHARGER SHOT HO

Ricaricare un'auto elettrica a casa non è mai stato così semplice grazie alla nuova Wall box Ford! Ma scopriamo insieme cos'è, come funziona e il costo della ricarica domestica più utilizzata.

La Wallbox Ford ti permette di effettuare una ricarica domestica dell’auto elettrica durante la notte, risparmiando sulla bolletta della corrente. Può essere installata a casa, in garage e/o in un posto auto privato, a lavoro o ovunque tu voglia. Ed è ancora più comoda grazie alla spina ad alta tensione.

Una normale presa domestica da 10 amper genera 2,3 kWh di potenza massima che consentono una ricarica completa in ben 5 ore. La Wallbox Ford, raggiunge fino a 7,4 kWh perciò i tempi di carica si abbassano a sole 3,5 ore. 

Non solo, avrai fin dalle prime ore della giornata la possibilità di gestire al meglio lo stato di carica della batteria della tua vettura elettrica o ibrida plug-in. 

Ma vediamo nello specifico cos'è, come funziona e quali sono i costi di una colonnina di ricarica elettrica Ford. Facile da installare, ti permette di gestire la ricarica domestica in maniera ottimale. Tramite l’app Ford Pass, infatti hai la possibilità di verificare in qualsiasi istante lo stato di carica della batteria. 
 

Wallbox Ford: come funziona

Cerchiamo di capire passo passo come ricaricare l'auto elettrica a casa con la Wall Box di Ford:

  1. Installare la postazione EVBox+ Ekvi Wallbox Ford
    Per prima cosa è necessario acquistare la colonnina di ricarica presso una concessionaria Ford. Dopo averla acquistata la postazione può essere installata vicino ad una spina di corrente 
  1. Collegare il cavo in dotazione 

Nel kit, oltre alla postazione l'accessorio è fornito di cavi di alimentazione. La presa all'interno è di tipo Mekkennes e andrà collegata dalla Wallbox all’auto. 

  1. Programmare l’attività di ricarica tramite l’app Ford Pass  

Nella sezione dettagli veicolo l’applicazione indica quando il veicolo è collegato alla corrente ma non è in ricarica. A questo punto puoi avviare la carica pianificando tempi e gestendo l’orario di partenza. Ciò ti permetterà di avere il veicolo pronto a partire quando lo desideri. 

  1. Controllare la colorazione della presa di ricarica 

La luce di avvertimento di colore blu indica la ricarica in corso Il colore arancione invece segnala un guasto al sistema di alimentazione. Se tutti e 5 i led di illuminazione della presa di ricarica sono accesi allora la batteria elettrica è carica completamente. 
 

NOTA BENE: La Wallbox di Ford può essere utilizzata solo per ricaricare le batterie di un'auto elettrica o ibrida plug-in. Auto ibride Mild-Hybrid e Full-Hybrid come Puma, Fiesta, Focus e Mondeo non hanno autonomia elettrica. Perciò il generatore si ricarica nelle fasi passive della vettura.

Wallbox Ford: costo

Ma quanto costa una collonina di ricarica Ford? Ebbene è mportante sottolineare che EVBox Elvi Ford Wallbox è un kit accessorio nella Nuova Kuga Plug-in e costa circa 750€. Può essere ordinata e ritirata direttemente presso un magazzino ricambi Ford. Da non sottovalutare il fatto che beneficia della detrazione fiscale usufruibile fino al 31/12/2021.
 

Wallbox Ford: vantaggi

Riassumiamo allora i vantaggi di ricaricare un'auto elettrica da casa con Ford WallBox:

  • Minori tempi di ricarica;
  • Risparmio sul costo energetico;
  • Gestione ottimale dell’autonomia elettrica;
  • Sgravi fiscali.


Allora non ti resta che chiedere informazioni per acquistare la Wallbox di Ford.

 


Condividi

Richiedi informazioni

Autosas S.p.a. tratterà i tuoi dati personali riportati di seguito per dar corso alla tua richiesta. Per maggiori informazioni sul trattamento dei tuoi dati e sui tuoi diritti consulta l' Informativa Privacy.

Letta l’Informativa Privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Autosas Auto S.p.A. per le finalità di marketing di cui al punto c) dell’informativa, con modalità cartacee, automatizzate o elettroniche e, in particolare, a mezzo posta ordinaria o email, telefono (es. chiamate automatizzate, SMS, MMS), fax e qualsiasi altro canale informatico (es. siti web, mobile app).