Tutti (ma proprio tutti) i vantaggi di un’auto elettrica

27 aprile 2021

Vantaggi Auto Elettrica All Eletric

INDICE DEI CONTENUTI DELLA PAGINA

Clicca sui paragrafi per passare subito alla sezione che ti interessa!

 

Elettrico. Facciamo un po’ di chiarezza.

Prima di affrontare uno dopo l’altro i vantaggi che offre un’auto elettrica è bene avere chiaro come funzionano vetture e veicoli commerciali equipaggiati con questa tecnologia. 

I mezzi così detti BEV, sigla di Battery Electric Vehicle, costituiscono quanto di più avanzato presente in circolazione, l’ultima frontiera della mobilità

In costante crescita ma ancora minoritari nel mercato dell’automobile, auto e mezzi commerciali elettrici rappresentano un’anticipazione di quello che ci attende in un futuro nemmeno troppo lontano.

Ma come funziona un’auto elettrica? Mezzi di questo genere differiscono dai veicoli ibridi poiché traggono l’energia necessaria a produrre movimento da un’unica fonte

Nel caso di un veicolo BEV quella fonte è l’elettricità. Su qualsiasi tipo di vettura ibrida, invece, sono presenti due propulsori, uno elettrico e l’altro a combustibile, ambedue coinvolti a fornire motricità.

La mancanza di un motore termico implica alcune differenze strutturali nelle auto BEV. La più significativa, comune a tutte, è la presenza di un comparto batterie di grandi dimensioni

Le celle elettriche possiedono una capacità di assorbimento tale da garantire una notevole autonomia ai veicoli BEV. Per fornire qualche cifra, con il nuovo E-Transit è possibile effettuare 350 Kilometri prima di sottoporre il mezzo a una ricarica. Con Mustang Mach-E, in base ai modelli, si possono percorrere dai 400 ai 600 kilometri. 

Dal punto di vista della ricarica, i veicoli completamente elettrici possono trarre l’energia da fonti di alimentazioni esterne quali: prese da 230 volt, WallBox, stazioni e colonnine pubbliche. 

Non va tuttavia dimenticato che come le vetture ibride anche i Battery Electric Vehicle recuperano la carica con la frenata rigenerativa. Il dispositivo migliora l’efficienza energetica del mezzo. 

È in grado, infatti, di trasformare l’energia cinetica sviluppata in fase di frenata in nuova energia elettrica per alimentare le batterie. 

 

Vantaggi auto elettrica. Manutenzione.

Una delle voci di risparmio più consistenti dei veicoli elettrici, e quindi un vantaggio non da poco, riguarda il capitolo della manutenzione

È facile comprenderne i motivi. Auto e mezzi commerciali elettrici non possiedono tutte quelle parti più tradizionalmente soggette a usura o che richiedono interventi frequenti a causa del naturale deterioramento. 

Mancano motore e trasmissione e ciò azzera i costi per tutta la componentistica che riguarda questi sistemi. Come diretta conseguenza di questo, il veicolo non dovrà essere neppure sottoposto a cambi di olio, sia quello del motore che del cambio. 

Anche le spese per l’impianto frenante saranno ridotte. La frenata rigenerativa riduce di molto la sollecitazione alla quale sono sottoposti dischi e pasticche e quindi i relativi costi di manutenzione. 

Costi “nascosti” che se sommati, in un intervallo temporale di 5 anni e ipotizzando una percorrenza di 100.000 kilometri, producono un risparmio nei costi di gestione del 50% rispetto alle vetture con motore a combustione. 

 

Vantaggi auto elettrica. Costi di ricarica.

Uno dei maggiori vantaggi di un’auto elettrica riguarda le spese per “fare carburante”. Ad oggi, e probabilmente lo sarà ancora di più in futuro per la diminuzione dei costi dell’energia, l’elettricità è proposta a prezzi inferiori rispetto ai derivati petrolio. 

Il costo della benzina ammonta a circa € 1.50 al litro, il diesel a 1.40 e quello dell’energia elettrica, espresso in kilowattora, è di  0.21 kWh

Con consumi di 6 litri e 18 kilowatt per percorrere 100 kilometri, rispettivamente per una auto benzina e una elettrica, la differenza in termini di risparmio è rilevante. In un anno la spesa per il carburante nel primo caso è di € 1.600 e scende a € 700 nel secondo

 

Vantaggi auto elettrica. Esenzione bollo.

Nella maggior parte delle regioni italiane, i proprietari di auto elettriche non sono soggetti al pagamento del bollo. Il bollo, lo ricordiamo, è un’imposta annuale sul possesso di vetture e motocicli iscritti al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). 

Il costo dipende da vari fattori: potenza del motore espressa in kilowatt, regione di residenza del proprietario, classe di emissioni della vettura e modello. 

La Toscana figura tra le regioni che offrono l’esenzione del pagamento della tassa di proprietà per 5 anni. Al termine del periodo, chi possiede un’auto elettrica dovrà versare un canone annuo pari a un quarto dell’importo dei corrispondenti veicoli alimentati a benzina. 

 

Vantaggi auto elettrica. Spese assicurative.

Le spese per assicurare veicoli 100% elettrici sono in media del 30-40% inferiori rispetto a quelle per le auto con motore termico. Ciò, ovviamente è un vantaggio e si traduce in un risparmio, nel lungo periodo, per chi decide per l’acquisto di un mezzo di questo genere. 

Le polizze assicurative per le auto BEV costano meno per vari motivi. Dal momento che queste vetture non possiedono né un motore termico né tantomeno sono alimentate da sostanze infiammabili il rischio di incorrere in incidenti è più basso. 

Un altro aspetto che determina un risparmio nelle spese per rc auto e polizze è dato dall’autonomia delle vetture elettriche. La possibilità di percorrere meno kilometri rispetto a veicoli tradizionali è, da questo punto di vista, un vantaggio. 

Abbassa, infatti, il rischio di incorrere in sinistri e, di conseguenza, i premi assicurativi derivanti. C’è infine da considerare un altro fattore: l’età dei clienti che, in Italia, passano a un’auto elettrica. 

In questo ci viene in aiuto la statistica. Chi sceglie un’auto elettrica in Italia ha in media tra i 40 e 60 anni. Si tratta, in genere, di un target di persone esperte e sicure nella guida che, per lo più, utilizzano la vettura per spostamenti brevi. 

Il che limita molto le probabilità di incappare in eventi sfavorevoli. Anche questo, quindi, incide positivamente sul costo finale di un Battery Electric Vehicle

 

Vantaggi auto elettrica. Accesso alle ZTL.

In molte città, le auto elettriche godono di vantaggi di natura amministrativa poiché questa tecnologia permette di viaggiare producendo zero emissioni

Tra essi rientra la possibilità di accedere alla ZTL e di sostare sui parcheggi contrassegnati da strisce blu gratuitamente. Avviene così, ad esempio, a Firenze. 

Nel capoluogo toscano i possessori di un mezzo elettrico possono accedere liberamente a tutte le zone a traffico limitato senza contrassegno. È sufficiente trasmettere i dati del proprio veicolo alla Società SAS – Servizi Alla Strada affinché lo stesso sia inserito nella “Lista Bianca Permanente”. 

L’immissione in tale elenco certifica la possibilità di circolare gratuitamente nelle aree soggette a restrizioni. Un discorso simile riguarda il parcheggio negli stalli a pagamento. 

I residenti nel Comune proprietari di veicoli a basse emissioni (elettrici ma anche ibridi) beneficiano di tariffe scontate del 50% per la sosta. Per avere diritto alla riduzione occorre inviare copia del libretto di circolazione e di un documento di identità alla mail ufficiocontrassegni@serviziallastrada.it e registrarsi sull’app Tap & Park.

 

Vantaggi auto elettrica. Installazione WallBox.

La WallBox è una “colonnina” di ricarica rapida per uso privato. Permette di diminuire i tempi necessari per la rifornire di nuova energia i veicoli “alla spina”, ossia le auto Plug-In Hybrid ed elettriche. 

Installare oggi una WallBox oggi è un’operazione particolarmente vantaggiosa ad oggi. 

Fino al 31 di Dicembre è possibile, infatti, beneficiare di una detrazione fiscale pari al 50% dell’importo che copre fino a 1.500 euro; per l’acquisto e la predisposizione dell’infrastruttura. Per questo l’abbiamo inclusa in questa lista di vantaggi. 

 

Vantaggi auto elettrica. Agevolazioni statali.

Alle auto elettriche sono destinati contributi statali per favorirne l’acquisto di entità maggiore rispetto a quelli per vetture con altro tipo di alimentazione. 

Il motivo di tali iniziative va individuato nei bassi livelli di emissioni spigionate. Gli incentivi per l’acquisto di un veicolo elettrico sono di € 8.000 con la rottamazione e € 5.000 senza

Possono beneficiarne gli interessati all’acquisto di Battery Electric Vehicle con livelli di emissioni di CO₂ compresi tra 0 e 20 grammi per kilometro e un prezzo di listino inferiore ai € 61.000. 

 

Vantaggi auto elettrica. Agevolazioni comunali.

Il Comune di Firenze, con un apposito bando, ha stanziato € 3.500.000,00 di fondi per incentivare i cittadini a cambiare auto passando a modelli più ecologici. 

I contributi sono proporzionali alla certificazione ISEE dei soggetti richiedenti e destinati all’acquisto di vetture elettriche, ibride, a gas, bi-fuel e benzina Euro 6. Il requisito principale è possedere un’auto da rottamare con classe di emissioni da Euro 1 a Euro 4. 

Per l’acquisto di auto elettriche l’incentivo comunale è di € 5.000,00 con un ISEE inferiore ai € 48.000,00. Scende invece a € 3.000,00 se il richiedente ha un ISEE superiore a € 48.000,00. Queste agevolazioni sono cumulabili con gli incentivi statali. 

Il contributo è del 50% più alto per i residenti nelle aree soggette a limitazioni della circolazione. Qui trovi tutte le informazioni. 

 

Ti è stata utile questa guida?

Scrivici se ti servono maggiori informazioni!

Per farlo basta compilare il modulo di contatto presente su questa pagina oppure avviare una chat con un nostro operatore. 

Gallery

Condividi

Richiedi informazioni

Autosas S.p.a. tratterà i tuoi dati personali riportati di seguito per dar corso alla tua richiesta. Per maggiori informazioni sul trattamento dei tuoi dati e sui tuoi diritti consulta l' Informativa Privacy.

Letta l’Informativa Privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Autosas Auto S.p.A. per le finalità di marketing di cui al punto c) dell’informativa, con modalità cartacee, automatizzate o elettroniche e, in particolare, a mezzo posta ordinaria o email, telefono (es. chiamate automatizzate, SMS, MMS), fax e qualsiasi altro canale informatico (es. siti web, mobile app).