Gomme invernali o catene. Dal 15/11 scatta l'obbligo

17 maggio 2021

Gomme Invernali Firenze

Tre giorni, 72 ore circa. Tanto ci separa dal 15 Novembre. Cosa capiterà in questa data? Prima di tutto desideriamo tranquillizzarvi. Non c’è nessuna ricorrenza o evento di cui vi siete dimenticati. O quasi, in verità. Dal prossimo 15 di Novembre scatta semplicemente l’obbligo di circolare con le gomme invernali o muniti di catene.

E noi, volevamo solo rammentarvi questo e farvi da promemoria. Ebbene sì, il momento è arrivato. Sebbene le temperature in questo periodo siano tutt’altro che basse, dal prossimo mercoledì scatterà l’obbligo di montare le gomme invernali.

In alternativa, gli automobilisti dovranno ricordarsi di riporre nella propria vettura catene da neve compatibili con il tipo e la dimensione di pneumatico su cui poggia la propria vettura. Di modo da poterle utilizzare all’occorrenza o in caso di necessità.

L’obbligo scatta su tutta la rete stradale e autostradale nazionale, ad eccezione delle Valle D’Aosta, regione in cui il provvedimento è già in vigore dal 15 di Ottobre. In caso la misura, prevista dal Codice della Strada, fosse disattesa, è possibile incorrere in ammende di natura pecuniaria.

Più nello specifico, le forze dell’ordine possono disporre sanzioni dagli 85 fino ai 338 Euro che scendono a circa 50 Euro se il pagamento è effettuato entro i primi 5 giorni dalla multa.

 

Perché è importante montare le gomme invernali?

lettere M-S, che stanno ad indicare i termini inglesi Mud and Snow, ovvero fango e neve.

A questo si aggiunge spesso la presenza di un fiocco di neve inscritto nel profilo di una montagna, indice che il pneumatico in questione ha superato test specifici ed è conforme all’utilizzo su strade innevate e/o a basse temperature.

Questa tipologia di gomme, grazie alla particolare mescola con le quali sono fabbricate, offrono maggiore sicurezza e affidabilità quando la temperatura scende sotto la soglia dei 7 gradi.

Le gomme da neve assicurano su fondi resi sdrucciolevoli dalla presenza di acqua, ghiaccio o neve spazi di frenata minori e inferiori del circa 15% ai pneumatici estivi. Con una temperatura di 0mgradi, procedendo a 40 Km/h, lo spazio di frenata è del 50% inferiore rispetto a quello assicurato dai pneumatici estivi.

Il Codice della Strada prevede anche la possibilità di non ricorrere a pneumatici winter. La soluzione, in tal caso, è rappresentata da altri (e meno dispendiosi) dispositivi antisdrucciolevoli.

Vale a dire le comuni catene che basterà tenere in auto in ogni viaggio. O almeno fino al 15 di Aprile prossimo, data in cui decadrà l’obbligo di catene e gomme invernali.

 

Gomme o catene. Quali scegliere?

Il montaggio di due treni di gomme termiche ha un costo ovviamente maggiore rispetto alle catene da neve. Occorre tuttavia fare alcune precisazioni. Mentre le catene rappresentano una soluzione d’emergenza che permette di arrivare a destinazione in presenza di neve o ghiaccio, i pneumatici invernali hanno altre caratteristiche.

Montarli al posto delle gomme estive porta a un maggiore risparmio nel lungo periodo. Effettuare un cambio di gomme significa infatti una minore usura del battistrada e una maggiore longevità delle gomme stesse. Inoltre viaggiando sempre con pneumatici in condizioni di pressione e gonfiaggio ideali garantisce minori livelli di consumi e di emissioni inquinanti.

Tra le due soluzioni - a maggior ragione considerando il fatto che le catene possono rovinare i cerchi se non montate nel modo opportuno - la nostra scelta ricade sulle gomme termiche. E la vostra?

 


Condividi

Richiedi informazioni

Autosas S.p.a. tratterà i tuoi dati personali riportati di seguito per dar corso alla tua richiesta. Per maggiori informazioni sul trattamento dei tuoi dati e sui tuoi diritti consulta l' Informativa Privacy.

Letta l’Informativa Privacy, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Autosas Auto S.p.A. per le finalità di marketing di cui al punto c) dell’informativa, con modalità cartacee, automatizzate o elettroniche e, in particolare, a mezzo posta ordinaria o email, telefono (es. chiamate automatizzate, SMS, MMS), fax e qualsiasi altro canale informatico (es. siti web, mobile app).